Ecco i business in cui le campagne Google Adwords (quasi) sicuramente FUNZIONANO e quelli in cui è meglio lasciar perdere!

I business non sono tutti uguali.

Anzi.

Ci sono sostanziali differenze che vanno valutate di volta in volta quando si pianificano delle Campagne di Web Marketing: infatti le strategie da attuare per pubblicizzare una gelateria sono COMPLETAMENTE diverse da quelle necessarie per pubblicizzare un dentista.

Ed anche gli strumenti da utilizzare sono completamente diversi: a volte è meglio attivare delle campagne Google Adwords, altre volte è meglio utilizzare Facebook Ads o Instagram e altre volte ancora è molto meglio lasciar perdere l’online e investire in campagne di marketing offline.

Apriresti una bottiglia di vino con un cucchiaio?

Ecco, spero di aver reso l’idea.

Ovviamente se sbagli strategia e strumenti brucerai una marea di denaro e tempo in campagne di web marketing inutili.

In questo articolo però voglio essere molto specifico e focalizzarmi su un’unico strumento: Google Adwords.

Voglio spiegarti in dettaglio quali sono i casi in cui Google Adwords può funzionare mentre altri in cui è meglio lasciar perdere.

Innanzitutto, perché ho deciso di scrivere questo articolo?

Il motivo è molto semplice: voglio metterti in guardia da consulenti e Web Agency che conoscono SOLO uno strumento online e con quello cercano di pubblicizzare qualsiasi cosa.

Infatti c’è il consulente che conosce SOLO Google Adwords e cercherà di appiopparti campagne Adwords, mentre altri conosco solo Facebook o Twitter, mentre altri ancora sanno solo realizzare siti web o blog (e spingeranno per farti realizzare un nuovo sito web anche se quello che hai va benissimo).

Quello che risulta è una “forzatura” che in alcuni business non ha senso!

Siamo tutti qui per vendere e guadagnare, ma a volte è meglio mettersi la mano sul cuore e RIFIUTARE IL CLIENTE anche se quel fatturato ci farebbe comodo…

Io conosco Google Adwords e Facebook e so esattamente in quali business sono efficaci e in quali business sono strumenti INUTILI.

Se capisco che per il tuo caso specifico non sono strumenti efficaci te li sconsiglio, a costo anche di rimetterci dei soldi: gli imprenditori mi pagano per portare nuovi clienti e non per bruciare budget in pubblicità inutile.

Sei pronto ? Iniziamo!

Ecco i business in cui le campagne Google Adwords FUNZIONANO ALLA GRANDE!

Google Adwords è uno strumento potentissimo che ti permette di intercettare le persone che:

  1. cercano attivamente su Google i prodotti o servizi che vendi (es: “Crema StopMaldischiena”)
  2. cercano attivamente su Google la una soluzione ad un loro problema (es: “Come curare il mal di schiena”)
  3. cercano informazioni relative ai prodotti o servizi che vendi (es: “qual è la migliore crema per il mal di schiena”)

Se non esistono persone che fanno tali ricerche, NON HA SENSO ATTIVARE CAMPAGNE GOOGLE ADWORDS.

Quindi, la prima cosa che devi fare è capire se esistono “dei volumi di ricerca” tali da giustificare l’utilizzo di tale strumento.

Come fare?

Lo strumento che utilizzo personalmente e che ti consiglio di utilizzare è Keyword Revealer.

Tornando all’esempio di prima la parola chiave “mal di schiena rimedi” viene ricercata 2900 volte in un mese: non male!

Quindi se vendi online un’ottima crema per il mal di schiena, “potrebbe” aver senso strutturare una campagna Google Adwords.

Dico potrebbe, perchè ci sono anche altri tre fattori da tenere in considerazione che, spesso, non vengono considerati dai miei colleghi che sono:

  1. I concorrenti
  2. Le abitudini di acquisto
  3. Il tuo sito Web

Come prima cosa devi valutare la concorrenza! I concorrenti non stanno a guardare e in alcuni business i concorrenti sono troppo grandi per “sconfiggerli” con Google Adwords (occorrono altre strategie, che ti spiegherò in un’altro articolo).

Te la spiego facile con un esempio reale con cui mi sono scontrato qualche mese fa: un cliente che ha un ecommerce di profumi.

Vende profumi di tutte le marche famose e ha i prezzi in linea con i concorrenti.

Adwords non è la scelta giusta, anche se i profumi che vende sono molto ricercati su google.

Infatti un profumo che vendono molto famoso è “Light Blue” di Dolce&Gabbana. Ecco quello che ci mostra Keyword Revealer:

Le ricerche ci sono e sono pure tante! Quindi potresti pensare che accendere una campagna adwords sia una buona idea.

Ma in realtà non è così.

Basta dare un veloce sguardo ai concorrenti che appaiono quando cerco su Google “light blue” per capire che è molto meglio lasciar perdere:

Ti scontreresti con concorrenti come Douglas, Ebay, Amazon…che sono Brand molto forti e che, probabilmente, possono vendere il profumo ad un prezzo più basso del tuo.

Ma anche se tu avessi il prezzo più basso, probabilmente ne usciresti con le ossa rotta: le persone comprano da marchi conosciuti e di cui si possono fidare.

Quindi occhio alla concorrenza.

Attenzione: non dico che aprire un ecommerce di profumi sia un business sbagliato a priori, dico solo che per questo specifico business (vendita di profumi online), Adwords non è il campo di battaglia su cui combattere (a meno che tu non abbia un brand molto forte o dei prezzi stracciati).

Ma non basta.

Anche se esistono ricerche su Google e poca concorrenza esiste anche un terzo fattore: le abitudini di acquisto dei clienti.

Spesso capita che le persone cerchino online informazioni su prodotti/servizi MA che poi acquistano offline!

Tipico esempio: gli occhiali da sole e i vini.

Le persone magari cercano informazioni online su google MA POI LI COMPRANO DAL VIVO, SOLO DOPO CHE LI HANNO PROVATI.

Tu compreresti un vino senza averlo neanche assaggiato su un ecommerce di vini? Probabilmente no, e così pure gli occhiali da sole.

Attenzione: un’obiezione che mi viene sollevata spesso dopo che cito questi due esempi è “si ma dopo che ho acquistato un vino e l’ho assaggiato, magari lo posso acquistare anche online!”.

No caro mio: “abitualmente” i vini si acquistano al supermercato o nell’enoteca di fiducia, anche dopo che li hai assaggiati.

Aprire un ecommerce di vini è un enorme errore perchè andresti contro l’abitudine di acquisto che hanno mediamente le persone.

Però se possiedi un’enoteca e ci sono ricerche geolocalizzate per uno specifico tipo di vino che vendi, magari potrebbe aver senso testare una campagna Adwords.

Vediamo ora un esempio in cui l’abitudine di acquisto gioca a favore di Adwords: gli artigiani e i professionisti che lavorano con le urgenze come per esempio i dentisti o chi ripara le caldaie.

Se all’improvviso inizia a farti male boia un dente o ti si blocca la caldaia a gennaio quando fuori ci sono -5 gradi, ti posso assicurare che è MOLTO PROBABILE che ti fiondi su Google a cercare il professionista che ti possa aiutare a risolvere SUBITO l’urgenza!

E quindi se sei presente con un annuncio Adwords efficace, il cliente è tuo 😉

L’ultimo fattore da non sottovalutare che decreta il successa o il fallimento di una campagna Adwords è il tuo sito web.

La faccio molto breve: se il tuo sito web non è strutturato per trasformare i visitatori in clienti paganti (quindi è un sito inutile), non c’è campagna Adwords che tenga: i soldi che investirai per portare traffico al sito sono soldi buttati al vento…

_______________________________

Vuoi sapere se Google Adwords è utile ad acquisire clienti per il tuo specifico business?

CLICCA QUI PER CONTATTARMI >>>

_______________________________

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *